lunedì, 16 settembre 2019 ore 4:30 - Buona Notte.
huges.it
Stampa Utente sconosciuto (Accedi). Non sei ancora registrato? (Registrati).
Sezione dedicata a Magico Vento un Sioux dalla pelle bianca

Magico Vento

Sezione dedicata a Magico Vento un Sioux dalla pelle bianca

Magico Vento

Magico Vento n. 102, Gennaio 2006 - Il ritorno di Aiwass

La nuova vita di Magico Vento si apre con una saga di 5 albi

Uccidono con uno sguardo...e sono tornati

Sta per partire il ciclo che vede scontrarsi Magico Vento e gli Antichi

15/01/2006 - bila83

Cosa aspetta Magico Vento a partire dal n°102? Una nuova vita. Una nuova saga. Una nuova stagione storica per il suo popolo Sioux e per l’America tutta. Quando gli hanno chiesto come si rapporterà Ned alla nuova situazione, Manfredi ha risposto che sarebbe come svelare l’assassino in un giallo! Ma soprattutto, nell’immediato, Ned avrà a che fare per qualche numero con l’orrore! Inizia subito (n°102 “ Il ritorno di Aiwass ”) un ciclo (5 albi, tutto il 2006!) ambientato nelle grandi città dell’America settentrionale. Dopo quello epico-storico del Little Big Horn e delle guerre indiane, uno che Manfredi ha definito “epico-soprannaturale”. In particolare saremo a Providence, nel Rhode Island, e poi fino a Washington. Luoghi di Lovecraft, lo scrittore dell’orrore a cui Manfredi (e Magico Vento) devono molto. E in quei luoghi prenderanno vita le leggende di Lovecraft. Tra tutte, quella che su “Magico Vento” abbiamo gi incontrato. Gli Antichi. I misteriosissimi Antichi.

Chi sono? Bella domanda. Qualcosa ne sappiamo ma francamente i lettori sono in attesa di rivelazioni. Quando li abbiamo incontrati? Numeri 47-48 “I sicari e “Il segreto di Aiwass”, numeri 52-53-54 “Cadaveri eccellenti”, “Il figlio della tredicesima luna” e “Le grotte del vento”. Poi un colpo di coda nel numero 66, “Il pozzo degli Antichi”. Sappiamo che si tratta di un’antichissima razza di sacerdoti tiranni, acerrima nemica del popolo rosso, odio puro, sentimento nessunissimo. Vivono, anzi sopravvivono, sottoterra. E’ vita la loro? Manfredi ci ha spiegato di intenderli un po’ come il ritorno dei morti viventi, vita putrescente. Gli Antichi hanno già perso. I Sioux li sconfissero e portarono la civiltà all’estinzione. O almeno così credevano tutti. Gli antichi nemici non sono debellati, questo è sicuro. Perché sono tornati e stanno per tornare.

Hanno cambiato strategia. Hanno scelto di riprendersi le terre dei Sioux tramite un ottimo partner. Un partner assetato di potere e denaro: l’associazione segreta della Volta Nera. Insomma: l’uomo bianco. L’uomo bianco può portare avanti la lotta per loro. E’ bastato rendere simili a loro tredici creature, tredici “figli della luna”. Uomini comuni che con un orribile operazione chirurgica risultano trasformati. Hanno un cuore e un sistema nervoso supplementare. A comando o sotto particolari stress il volto si scheletrisce, la pelle si assottiglia, gli occhi si illuminano, le unghie si allungano. Possano paralizzare con uno sguardo, dare ordini telepatici, fulminare. Sono pericolosissimi. Gli Antichi sacerdoti hanno scelto tredici uomini d’affari, affiliati alla Volta Nera. Un altro elemento che tornerà alla grande nel ciclo che ci aspetta.

Ne “ I sicari ” abbiamo saputo che Aiwass , il negromante della setta, è una creatura degli Antichi. Tornerà. Anche se Magico Vento lo aveva ucciso. Aiwass aveva sparato lo spirito di Magico Vento in un abisso, una dimensione di non ritorno. Lì Ned trovò un aiuto spirituale insperato: Hogan , deciso a fermare Aiwass per diventare capo della Volta Nera. Per farlo doveva aiutare il nemico di sempre. Insomma, Ned tornò in sé e uccise Aiwass. Ne “Il segreto di Aiwass” scopriamo che ci sono altri simili a lui. E sono individui che gravitano attorno al nuovo spettacolo teatrale della bella Norma Snow. Magico Vento ne elimina altri due. Altri scontri avvengono nel superbo “Cadaveri eccellenti” : tra le creature troviamo il re del vapore, un ambasciatore americano, due giudici della corte suprema. Il dottor Kernan, su incarico di Hogan, li sta facendo eliminare tutti. Così accade. Resta la tredicesima creatura. Cavallo Zoppo avvisa Ned: lo scontro finale sarà sulle nostre terre.

Due albi al cardiopalma: “Il figlio della tredicesima luna” e “Le grotte del vento" . La tredicesima creatura è il tenente Lynch , un soldato scampato allo storico massacro della pattuglia Fetterman. In quella tragica imboscata dei Sioux, Lynch si nascose ed ebbe salva la vita, ma la sua ragione restò forse compromessa e iniziò un odio esiziale per gli indiani. Ecco che gli Antichi, nascosti nelle Grotte del Vento sacre agli indiani, lo resero simile a loro. Di più: il loro figlio prediletto. Lynch sfida Magico Vento e Nuvola Rossa, uccidendo lo scout Wyoming Bill, amico di Ned e in passato addirittura colui che evitò al soldato Lynch la fucilazione.

In realtà, i rapporti tra Lynch e l’esercito non sono mai cessati: egli, ormai tatuato dalla testa ai piedi, guidava una truppa irregolare di soldati scelti dal generale Sherman per compiere incursioni illegali e massacrare cos intere tribù senza responsabilità dell’esercito. Magico Vento e Nuvola Rossa gli danno la caccia come creatura; Poe, l’agente trasformista Dick Carr e il soldato Ten Eyck per i suoi trascorsi militari.

Lynch, rispetto alle altre creature, ha ricevuto il potere di tele-trasferirsi, anche se questo gli costa fatica. Gli Antichi lo fanno normalmente, ma in compenso devono stare rintanati nelle grotte perché la luce del sole li ucciderebbe. Lynch è il loro braccio. Scopo: uccidere Nuvola Rossa e catturare (vivo) MagicoVento. Nuvola Rossa racconta di una profezia che gli fece uno sciamano (Oca-che-ritorna) da bambino: lui avrebbe difeso quei luoghi. Magico Vento è lo sciamano che lo accompagna in questa nuova missione. Uno sciamano che acquisisce un potere nuovo per fermare gli Antichi: lo Spirito dell’Orsa. Una facoltà che rende Ned una specie di belva, spietato e quasi irrefrenabile.

Magico Vento esplora le profondità delle grotte e resta prigioniero. Gli Antichi stanno per renderlo una creatura. Vogliono lui per fondare una razza di creature che abbiano anche poteri sciamanici. Invincibili. Il problema è che Lynch scopre tutto e pianta lì un casino: vuole continuare a essere il figlio prediletto degli Antichi. Cavallo Zoppo appare tra la vita e la morte a Ned e lo rianima. E’ il Ned con lo Spirito dell’Orsa. Addio. Manda in corto circuito i due sacerdoti: può assorbire la loro energia e spedirgliela contro. Lynch, morti loro, perde i poteri e può essere sistemato con due pallottole.

Una nuova puntata arriva ne “Il pozzo degli Antichi” . Lì Magico Vento vuole saperne di più e va a cercare Grande Silenzio (che abbiamo rivisto pochi mesi fa nel n°99, “Morto il 25 giugno”), un pittore muto che dipinge le visioni sue e altrui. Chiede a lui e alla figlia Sette Frecce di vedere il passato. Il tempo in cui gli Antichi e i Sioux erano nemici. Inizia una delle più terribili avventure della saga.

Magico Vento vive il passato con gli occhi di un altro. Un po’ come nel mitico n°16, “La Grande Visione”, quando visse le storie di Cavallo Pazzo e Nuvola Rossa. Stavolta vive la vita di Ehecatl , che nella lingua degli Antichi significa Vento Sacro. Un alter ego? Qualcuno che lo spirito di Ned ha scelto per rivivere la storia perché lo sentiva simile a sé? O una vita precedente dello stesso Ned Ellis? Non lo sappiamo. Così come non sappiamo la risposta alla domanda di Ned: “Cè un segreto legame tra me e quella razza di stregoni tiranni?”. Ned si trova a capofitto nella storia, nel delta del Mississippi, dove viveva l’antica civiltà. Comandata dagli stregoni tiranni. Ehecatl prepara la fuga, con la sua amante Janira , il fratello Sethua . Scappano e vengono inseguiti dalle creature. Particolare: Ehecatl non sa cosa siano! Trova Kayab, il segugio degli Antichi, sulle loro tracce. E l’incubo diventa reale. Viene ferita Janira, e si trova dei graffi pure Sette Frecce. Poco dopo arriva Daino Rosso, ipnotizzato, che cerca di ucciderli. E un istante dopo arriva Kayab in persona.

Ma come? Come può materializzarsi dal passato? E allora? Esistono altri Antichi? Quanti? Quali? Dove? Oggi, alla vigilia del ciclo, possiamo solo dire che sì, esistono altri Antichi. Il resto è ancora nella nebbia!

Magico Vento, con lo Spirito dell’Orsa, manda al diavolo Kayab. Poi vive la fine della sua visione, ormai legato alla sorte di Ehecatl. Che arriva nelle terre dei Sioux. Ma là Sethua e Janira si mettono nei guai: scoprono una collina artificiale (in inglese gli archeologi hanno usato la parola “mound”) che è in realtà un tempio degli Antichi. Entrano tutti, loro due ipnotizzati e Ehecatl per salvarli. Si trovano risucchiati a casa. Sethua viene trasformato in una creatura e mandato a combattere con il fratello. A quel punto Magico Vento in persona appare a Sethua! Ormai chi può dire cosa è presente e cosa è passato, cosa è reale e cosa è sogno? Gli chiede di ribellarsi al male, di non lasciarsi possedere. Ed egli si ribella e uccide il gran sacerdote. Scoppia la rivoluzione. Sethua, morente, dice che Janira sta per essere sacrificata a una mostruosa piovra in fondo a un pozzo. Non riesce a salvarla, ma si tuffa nel pozzo insieme a lei colpendo a morte il mostro. E tutto il tempio salta per aria. Abbiamo vissuto la fine della civiltà? Forse sì. Finalissimo di quella storia: scompare il cadavere di Kayab e torna la vita nel corpo di Magico Vento.

Domande che le storie sugli Antichi lasciano in sospeso: quali segreti nascondono? Quale rapporto cè tra loro e Magico Vento? Qual è la sua missione? Chi diavolo è Ehecatl? E cosa c’entra? Abbiamo idea che ci divertiremo anche nei prossimi mesi… In un ciclo che ci restituirà Hogan (con quale ruolo stavolta?), la Volta Nera (come diavolo ha fatto a riorganizzarsi?), Boris, il prestigiatore sceriffo del n°88 “L’illusionista” (cosa nasconde?), Aiwass (ma non era morto?), e appunto gli Antichi. I più misteriosi avversari di Magico Vento. E come ha detto Giuseppe Barbati, che ha disegnato il n°102: “Qua ci manca solo lo Shuttle!”.

Buona lettura, con “Magico Vento” e su Huges.it!

15/01/2006 - bila83


Riceca avanzata

© 2001-2006 - HUGES.IT Edito da Giacalone Ugo