sabato, 14 dicembre 2019 ore 0:08 - Buona Notte.
huges.it
Stampa Utente sconosciuto (Accedi). Non sei ancora registrato? (Registrati).
Tutto il calcio italiano su huges.it

Calcio

Tutto il calcio italiano su huges.it

sport - calcio

La Fiorentina rosicchia due punti all'Inter e supera la Roma al 4° posto

Solo il Milan tiene il passo della Juve

La striscia di vittorie consecutive della Roma si ferma all'89' contro l'Inter

6/03/2006 - master

Inarrestabile marcia della Roma alla ricerca della didicesima vittoria consecutiva in campionato s'infrange in casa all'89' grazie ad un inzuccata vincente dell'interista Materazzi. I giallo-rossi si ereano portati in vantaggio all'9' del primo tempo con Taddei smarcato in area da Mancini, che fa tutto quello che vuole nell'area nero-azzurra.

Il pareggio scontenta entrambe le squadre, incalzate dalla Fiorentina che, grazie ad una sofferta vittoria contro in casa contro il Siena per 2-1, supera i capitolini al quarto posto e si porta a sole tre lunghezza dalla milanese, terza in solitaria. Il derby toscano è stato uno dei match più interessanti della giornata. Apre le marcature la Fiorentina al 3' del primo tempo con Toni, al 23o centro in campionato. Il Siena, eterno rivale della società viola, non si arrende e al 15' trova il pareggio con Vergassola da due passi. Quando la gara sembra destinata al pareggio Prandelli gioca la carta Pazzini, dentro al 27'st al posto di Toni. L'ingresso del giovane attaccante risulta decisivo durante i minuti dei recupero del secondo tempo quando il fiorentino doc esaudisce uno dei desideri di ogni bambino viola: realizza il gol partita nel derby contro il Siena, che, tra l'altro, mantiene aperte le speranze di ottenere un posto in Champions League alla Fiorentina.

Record negativo per il Treviso che, in coda alla classifica, ottiene l'undicesima sconfitta casalinda. A piegare la squadra trevigiana ci pensa Amoruso che all'ultimo secondo dei tempi di recupero del secondo tempo consegna alla Reggina una vittoria importante.
Bene anche il Cagliari che, grazie ad una prodezza del solito Suazo, conquista una vittoria a Livorno, che ora comincia a rimpiangere Donadoni. Tre punti esterni sono conquistati anche dal Parma, al quale basta una rete dell'italo-australiano Bresciano per piegare il Messina.

Perde anche l'atra siciliana, fermata a Lecce per 2-0 sotto i colpi di Vucinic e Giacomazzi. Il Palermo purtroppo continua a non trovare la giusta continuità di rendimento, nonostante il cambio di panchina. Si devono accontentare di un solo punto Udinese, Ascoli (1-1), Chievo e Lazio (2-2).

Gli anticipi del sabato vedono un Milan faticare per 77' minuti, per via di un massiccio turn-over in vista del ritorno degli ottavi di Champions contro il Bayern Monaco (1-1 all'andata). Poi ci pensa il solito Pippo Inzagi ad aprire le marcature con un bel sinistro. Quattro minuti più tardi arriva il raddoppio di Shevchenko, subentrato a Gilardino. Il gol del definitivo 3-0 sull'Empoli arriva all'86' su punizione di Shevchenko, deviata fortunosamente in rete ancora da Inzaghi, doppietta per lui.

Durante l'anticipo serale del sabato, la Juventus mantiene le distanze sulla diretta inseguitrice battendo a Genova 1-0 la Sampdoria. La rete che vale i tre punti arriva dalla testa di Nedved imbeccato in area da una punizione di Mutu. Nel primo tempo la Sampdoria si porta prepotentemente in attacco, cogliendo anche un palo su una punizione di Volpi al 31'. Nella ripresa i bianconeri mostrano i muscoli e, dopo il gol di Nedved, sfiorano il raddoppio con un altro colpo di testa di Vieira. In vista della gara di ritorno contro il Werder Brema (3-2 per i tedeschi all'andata), la Juve di Capello stabilisce un nuovo record: sempre a segno nelle ultime 20 trasferte consecutive.

Risultati della 28ª Giornata 5/3/2006
Udinese-Ascoli 1-1
Livorno-Cagliari 0-1
Milan-Empoli 3-0
Roma-Inter 1-1
Sampdoria-Juventus 0-1
Chievo-Lazio 2-2
Lecce-Palermo 2-0
Messina-Parma 0-1
Treviso-Reggina 0-1
Fiorentina-Siena 2 -1

6/03/2006 - master


Riceca avanzata

© 2001-2006 - HUGES.IT Edito da Giacalone Ugo