venerdì, 21 luglio 2017 ore 12:31 - Buon Giorno.
huges.it
Stampa Utente sconosciuto (Accedi). Non sei ancora registrato? (Registrati).
Tutto il calcio italiano su huges.it

Calcio

Tutto il calcio italiano su huges.it

sport - calcio

Mondia Germania 2006: Italia-Ghana 2-0

L'Italia comincia da due

Ottima esordio degli azzurri contro il Ghana nella prima gara del mondiale tedesco

13/06/2006 - master

HANNOVER (Germania) - L'Italia inizia col piede giusto l'avventura mondile in Germania: 3 punti, 2 gol segnati e 0 subiti contro l'esordiente Ghan di Appiah Essien e Muntari. Gli eroi della serata sono le coppie Pirlo-Iaquinta con i loro gol, uno per tempo, e Toni-Perrotta, che hanno lottato per 90 minuti senza sosta.

Un'ottima prova anche sul piano fisico per contrastare la brillantezza e la voglia degli africani. La forza fisica e la velocità del Ghana, la tecnica e le individualità dell’Italia. Ecco le due costanti della sfida di Hannover. Con Perrotta al posto di Camoranesi, Marcello Lippi regala più potenza al centrocampo: uomo ideale per coprire una zona del campo in cui il capitano della Roma non è ancora in grado di garantire il cento per cento. Se gli azzurri impiegano una decina di minuti per entrare davvero in partita lo devono all’emozione, ma l’agonismo prende il sopravvento e allora per l’Italia liberarsi del fardello dell’esordio diventa quasi un gioco.

Quando al 12’ Toni fallisce un gol elementare, arrivando con due centimetri di ritardo dal pallone confezionato da Perrotta, allora i timori della vigilia che vedevano il bomber lontano da se stesso si amplificano. Ma il viola è un diesel; carbura lentamente. Prima goffo, impacciato, si fa fulminante quando tramortisce la traversa col suo inconfondibile destro. L’Italia c’è. La qualità fa la differenza e per i ghanesi contrastare la forma indiscutibile di Perrotta, il genio di Pirlo e il fraseggio di prima di De Rossi e Toni diventa un’impresa. L’Italia funziona, dalla difesa all’attacco. Da Nesta e Cannavaro, insuperabile, a Grosso e Zaccardo che quando si defilano sulla fascia lasciano l’impronta. Quando gli azzurri rallentano il ritmo, il Ghana sfrutta impensabili contropiedi, e solo l’imprecisione di Essien a Asamoah dà un aiuto all’Italia. Così, tenendo alta la guardia, gli azzurri si scoprono di meno, ma quantificano di più Prima con una punizione di Totti deviata dal portiere Kingston, che però soccombe al 40’ sul diagonale splendido di Pirlo; una perla che Gilardino lascia passare abbassandosi di quel tanto per non disturbarne la perfetta traiettoria. Sublime.
IL SOGNO DI VINCENZO - Dujkovic riparte nella ripresa con Sillah per Pappoe, confidando nella sua maggiore facilità di penetrazione. Ma è Gilardino a mancare dopo 6’ il gol del raddoppio. Il Ghana insiste cercando di colpire l’Italia sul piano dell’imprevedibilità, sfruttando i suoi uomi di maggior classe Appiah, Asamoah ed Essien che, al 9’, obbliga Buffon a compiere la sua prime vera parata, e che parata, della partita.

Ma è Italia. Deliziosa. Che non bada a spese; sempre concentrata, che non si perde d’animo anche quanto Totti, toccato duro, lascia a Camoranesi per precauzione. Al 19’ Gilardino, stanco, sottotono, cede il posto a Iaquinta. Avvicendamento azzeccato, perché l’udinese apre varchi e ci prova. Perrotta potrebbe fare il 2-0, ma l’indeciso Kingston questa volta si supera. La mossa Pimpong per Amoah non regala niente di nuovo al Ghana. Al 37’ entra Del Piero per Toni. Ma lo stratega della battaglia è Pirlo che dopo il gol si concede anche l’assist. Per Iaquinta, che sfrutta l’errore di Kuffour e batte Kingston. Vincenzo il suo sogno lo ha realizzato.

13/06/2006 - master


Riceca avanzata

© 2001-2006 - HUGES.IT Edito da Giacalone Ugo