mercoledì, 22 settembre 2021 ore 1:15 - Buona Notte.
huges.it
Stampa Utente sconosciuto (Accedi). Non sei ancora registrato? (Registrati).
Tutto il calcio italiano su huges.it

Calcio

Tutto il calcio italiano su huges.it

sport - calcio

Dopo uno scotro verbale con Preziosi duarante la trasmissione "Gradinata Nord"

Il professore ci lascia

Franco Scoglio muore in diretta colpito da un infarto

3/10/2005 - master

Genova - Franco Scoglio muore per un infarto durante la trasmissione Gradinata Nord condotta da Giovanni Porcella della rete privata genovese Primo Canale . Dopo un acceso scontro verbale con il presidente del Genoa Enrico Preziosi in collegamento telefonico, Scoglio ha accusato un malore. Porcella ha subito interrotto la diretta e soccorso l'allenatore, il repentino intervento dei sanitari non è bastato. Attualmente lo studio genovese è sotto sequestro dalla magistratura che ha provveduto ad acquisire una copia della cassetta della trasmissione. Solo ieri sera i telespettatori di Controcampo avevano potuto vedere Il Professore , come veniva comunemente chiamato l'ex CT della nazionale tunisina, dibattere con Mughini. Una grande perdita per il calcio italiano ed africano: da anni Scoglio aveva dichiarato il proprio amore per l'Africa.

Biografia
Franco Scoglio è nato a Lipari (Messina) il 2 maggio 1941. Inizia la carriera di allenatore nel 1972, nelle giovanili della Reggina; tra il 1973 e il 1981 guida la Gioiese (2 volte, sempre in serie D), il Messina (con cui esordisce in C), l'Acireale (D) e la Reggina (C1). Nella stagione 1981/82 torna alla Gioiese, in Interregionale, e vince il suo primo campionato. Dopo una sostituzione con la Reggina (C1) e un subentro con l'Akragas (C1), nel 1984 torna al Messina e guida i siciliani alla promozione in B (1985/86) e, nei due anni seguenti, a due ottimi campionati nella serie cadetta. Dal 1988 disputa due tornei sulla panchina del Genoa: vince il campionato di B e ottiene una brillante salvezza in quello di A. Dal 1990 al 1998 non riesce più ad allenare per una stagione intera: tra esoneri e dimissioni guida il Bologna (serie A), l'Udinese (B), la Lucchese (B), il Pescara (B), il Genoa (A), il Torino (A), il Cosenza (B) e l'Ancona (B). Nell'autunno del '98 diventa commissario tecnico della nazionale tunisina, con la quale si piazza quarto nella coppa d'Africa 2000. A febbraio del 2001 torna ad allenare il Genoa, lasciando la panchina della Tunisia, praticamente qualificata ai Mondiali e lo guida alla salvezza. Torna in Africa, come c.t. della Libia e ci resta solo per una partita prima di accettare l'offerta del Napoli in B: anche in questo caso non è un'avventura fortunata e finisce prima del tempo. Ormai la sua attività principale è quella di commentatore televisivo, che da qualche anno lo vedeva protagonista molto apprezzato su diverse emittenti. In questa stagione fungeva da consulente esterno della Lucchese.

3/10/2005 - master


Riceca avanzata

© 2001-2006 - HUGES.IT Edito da Giacalone Ugo